L’amaranto è una pianta della famiglia delle Amarantacee originaria dell’America centrale dove era coltivata già dalle civiltà precolombiane. Attualmente l’amaranto viene coltivato in tutto il mondo in regioni a clima tropicale o sub-tropicale, soprattutto in Messico, Guatemala, Perù, India, Cina, Nepal.

Della pianta vengono utilizzati a scopo alimentare soprattutto i semi ma anche le foglie.

Il genere Amaranthus comprende circa 60 specie, ma solo 3 sono ritenute buone produttrici di semi  commestibili.

L’amaranto è uno pseudocereale (non facendo parte della famiglia delle Graminaceae bensì di quella delle Amaranthaceae, come anche la quinoa, l’amaranto viene definito uno  pseudocereale.) E’ completamente privo di glutine e questo lo rende un alimento adatto alla dieta dei celiaci. 

I semi di amaranto possono essere consumati interi o sotto forma di farina. Le foglie vengono utilizzate per la preparazione di decotti o come verdura a foglia. Dai semi si ricava anche il latte di amaranto. 

👉Essendo priva dii glutine, la farina di amaranto non può essere utilizzata da sola per la produzione di alimenti lievitati (pane, focacce, pizze) ma miscelata alla farina di frumento. La farina di amaranto è invece perfetta per la preparazione di biscotti, pane etiopico (injera, simile ad una crepe), pane indiano (chapati, simile ad una piadina), piadine, barrette, snack, muesli.

Il latte di amaranto è un’ottima alternativa vegetale al latte vaccino o di altri animali nell’alimentazione dei soggetti intolleranti al lattosio o in una alimentazione vegana. E’ infatti ricco di calcio e di ferro, contiene proteine ad elevato valore biologico, è privo di lattosio. 

 Valori nutrizionali della farina di amaranto per 100g di prodotto

Valore energetico  321 Kcal
Proteine 14.5 g
Carboidrati 51 g
Lipidi 7.1 g
Fibre 15 g
Ferro 7.61 g
Calcio 159 mg

 

L’amaranto è un alimento che fornisce la stessa energia dei cereali integrali, ma rispetto a questi contiene piĂą calcio (5 volte tanto) e ferro (il doppio). La sua composizione nutrizionale lo distingue dagli altri cereali per  la presenza di proteine ad elevato valore biologico ed in particolare per l’abbondanza di lisina, un amminoacido essenziale fondamentale per le difese immunitarie e per la salute dei tessuti e della pelle in particolare.  

 

Prodotti consigliati:

 

Articolo realizzato dalla Dott.ssa Gatti Anna

Biologa esperta in Nutrizione Umana

Condividi su